18 gennaio 2017BOMBOLONI CON CONFETTURA DI AMARENE

La dolcezza golosa del bombolone fritto si sposa perfettamente con il sapore un po' acidulo della nostra confettura di Amarene Brusche di Modena IGP.

2bomboloni-con-confettura-720x481

IN BREVE

Difficoltà: media.
Tempo: mezz'ora/3 ore per la lievitazione, più 20 minuti di cottura.

INGREDIENTI

Ingredienti per 20 – 22 bomboloni alla confettura:

450 gr di farina 0
230 ml di latte parzialmente scremato
65 gr di zucchero semolato
50 gr di burro
un uovo
4-5 gr di lievito di birra liofilizzato oppure 20 gr di lievito di birra in panetto
la punta di un cucchiaino di sale
confettura di amarene brusche di Modena IGP Monteré
abbondante zucchero semolato
olio di arachide o di girasole per friggere qb

PREPARAZIONE

Ho sciolto il lievito in 50 ml di latte tiepido assieme ad un cucchiaino di zucchero, aggiunto 80 gr di farina, mescolato e lasciato riposare per una mezz’oretta.

In una terrina, ho impastato la farina rimanente (370 gr) assieme allo zucchero rimasto (circa 55 gr), aggiunto l’uovo leggermente sbattuto a temperatura ambiente, il sale, il burro sciolto a bagnomaria (o al microonde) e lasciato raffreddare, il panetto precedentemente formato con il lievito, amalgamato bene il tutto fino ad ottenere una palla e fatto riposare fino al raddoppio coprendo il recipiente con un canovaccio (dipende dalla temperatura che avete in casa, io due ore e mezza).

Trascorso il tempo, ho steso la pasta sopra un ripiano leggermente infarinato ad uno spessore di 1 cm circa e con un coppapasta del diametro di 8 cm, ho ottenuto dei dischi che ho poi fatto riposare sempre coprendo con un telo, per una mezz’oretta.

Ho poi fritto i dischi in abbondante olio bollente, pochi per volta, girandoli un paio di volte e una volta dorati (5-6 minuti) li ho tolti con l’aiuto di una schiumarola e depositati sopra carta assorbente in modo da far perdere l’eccesso di unto.

Una volta raffreddati, li ho farciti con la confettura usando il sac à poche (o una siringa da pasticcere) e rotolati nello zucchero semolato.

Fonte: il Piacere dei sensi